La legge Statunitense sull’Immigrazione e la Nazionalità (“ Immigration and Nationality Act ”) prevede nell’ambito della categoria dei visti per non immigranti (visti temporanei), il visto J1.

I visti J-1 sono promossi e sponsorizzati dal Programma di Scambio del Dipartimento di Stato americano e hanno la finalità di permettere scambi tra persone particolarmente dotate nell’ambito dell’istruzione, della scienza e dell’arte.

In questo programma sono inclusi gli studenti di tutti i livelli d’istruzione, tra cui:
• tirocinanti assunti da ditte, istituzioni o agenzie, che sono finanziati per corsi di addestramento;
• insegnanti di scuola primaria, secondaria e di specializzazione; professori che desiderano insegnare o frequentare corsi superiori di specializzazione;
• studiosi nel campo della ricerca;
• chi desidera seguire corsi professionali nel campo della ricerca;
• chi desidera seguire corsi professionali nel campo medico e paramedico;
• visitatori internazionali che viaggiano con l’intento di osservare, ricercare, partecipare o dare dimostrazione di conoscenze e di abilità specialistiche.

La durata del programma è definita dal contratto previsto dal modulo DS 2019, modulo che l’ente, l’università o l’azienda americana invia al richiedente. E’ consentito recarsi negli Stati Uniti un mese prima dell’inizio del programma. E’ importante avere a disposizione i fondi necessari sotto forma di borsa di studio o stipendio per il programma. Se non si dispone né di borse né di stipendi, i beneficiari del visto devono possedere le risorse finanziarie sufficienti per tutte le spese necessarie.

I beneficiari del visto J devono inoltre avere un livello d’istruzione idoneo a frequentare il programma prescelto, inclusa la conoscenza della lingua inglese, salvo che il programma di scambio non abbia la possibilità di collocare studenti che non parlino inglese in appositi corsi.

Coloro che richiedono un visto J nei programmi sanitari devono avere particolari requisiti. Questi includono:
• l’attestato del “Foreign Medical Graduate Examnation on Medical Sciences”( laurea straniera in medicina e scienze mediche),
• una buona conoscenza della lingua inglese, e
• il dover completare il programma entro un periodo di tempo stabilito.

I laureati in medicina che si recano negli Stati Uniti in programmi di scambio allo scopo di osservare, fare consultazioni, insegnare o fare ricerche per le quali la presenza del malato è scarsamente o per nulla necessaria, non sono soggetti alle suddette condizioni. I beneficiari del visto J devono presentare il modulo DS-2019 emesso dall’organizzazione che sponsorizza il programma.

Il modulo di presentazione di domanda di visto per non immigranti DS-160 riporta una lista di categorie di persone non idonee a ricevere un visto, sulla base delle leggi americane. La domanda per il visto J1 va presentata presso l’Ambasciata o il Consolato di competenza , in base alla residenza, non appena in possesso di tutta la documentazione necessaria per l’espletamento della pratica. Sebbene sia consentito presentare domanda di visto presso qualunque sezione consolare americana all’estero, potrebbe essere difficile dare prova di idoneità fuori dal proprio paese di residenza.

Il coniuge e i figli minori dei beneficiari del visto J possono fare domanda di visto derivato J-2 per accompagnare o raggiungere il principale beneficiario, presentando un proprio modello DS- 2019. Devono però dimostrare di avere sufficiente disponibilità finanziaria per far fronte a tutte le spese necessarie alla loro permanenza negli Stati Uniti. In alcuni casi, possono anche presentare una domanda al servizio di immigrazione per ottenere il permesso di lavoro.