L’Italia fa parte del Visa Waiver Program (VWP) ovvero del programma “Viaggio senza Visto”. Il VWP è un programma del Governo degli Stati Uniti, fondato nel 1986 e diretto a ben 38 paesi diversi, tra cui l’Italia. Il VWP permette di recarsi negli Stati Uniti per turismo o affari per un periodo non superiore ai 90 giorni (non sono ammesse deroghe) senza dover ottenere un visto, sempre e quando si possiedano tutti i requisiti della legge d immigrazione USA necessari per partecipare al programma.

A tal fine, è necessario disporre dell’autorizzazione idonea, attraverso l’Electronic System for Travel Authorization (ESTA), che determina l’idoneità a viaggiare negli Stati Uniti senza visto per turismo, affari, motivi sanitari o per partecipare a studi di tipo ricreazionale. A partire dal 12 gennaio del 2009, l’ESTA è diventato un requisito obbligatorio del VWP e va richiesto on-line in anticipo. L’ESTA va compilato una volta comprato il biglietto aereo anche solo qualche giorno prima della partenza, visto che il tempo minimo richiesto per il trattamento delle informazioni è di circa 72 ore.

La gestione è riservata esclusivamente dal Dipartimento di Sicurezza Nazionale ovvero il Department of Homeland Security (DHS). Bisogna tener presente che l’autorizzazione al viaggio ESTA non è un visto, ma un procedimento, volto ad analizzare gli individui che vogliono entrare negli Stati Uniti, prima di autorizzare la loro entrata.  L’ESTA sostituisce i moduli cartacei precedenti per i visti compilati durante il volo, anche se il modulo I-94 va normalmente completato in volo o nell’aeroporto di entrata.

È inoltre necessario disporre di un biglietto di andata e ritorno, in un paese al di fuori degli Stati Uniti, una prenotazione d’albergo negli USA e il denaro necessario per affrontare il soggiorno.

Per presentare la richiesta, bisogna essere in possesso di un passaporto in vigore, con una scadenza minima di almeno 6 mesi dopo la partenza prevista dagli Stati Uniti. Il passaporto può essere un passaporto con foto digitale, a lettura ottica o elettronico. Al fine di ottenere l’autorizzazione ESTA, bisogna quindi collegarsi alla pagina ufficiale del sito (https://esta.cbp.dhs.gov/esta), dove potrete selezionare la lingua desiderata.

Nel sito verranno richiesti dei dati personali, tra cui nome e cognome, la data e il paese di nascita, sesso, un indirizzo e-mail, i dati di residenza attuali e i dati del passaporto. Vi verranno fatte delle domande a cui dovrete rispondere obbligatoriamente come dichiarare se soffrite di determinate malattie o se siete mai stati condannati di un reato.

L’ESTA ha un prezzo di $14 (circa 10-12 euro), che possono essere pagati con carta di credito, debito o prepagata. Una volta completata la domanda, verrà automaticamente generato un codice numerico che dovrete annotare. Generalmente entro poche ore dalla richiesta, si ottiene l’autorizzazione ESTA. Si può stampare la ricevuta, anche se una volta arrivati negli Stati Uniti in aeroporto verrà controllato tramite computer se si è in possesso dell’autorizzazione o meno.

Questo procedimento va seguito per ogni membro della famiglia, compresi neonati e bambini, sia che il viaggio sia per via aerea che marittima.

L’ESTA ha una validità di due anni, ed è semplicemente necessario aggiornare le informazioni attraverso il codice numerico iniziale. Se la scadenza dell’ESTA coincide mentre siete negli USA, non ci sarà bisogno di una seconda autorizzazione per il rientro in Italia.

Un’autorizzazione ESTA approvata non garantisce il diritto del richiedente di entrare negli Stati Uniti. Se volete rimanere negli Stati Uniti per più di 90 giorni, o nel caso in cui l’autorizzazione al viaggio ESTA non venga concessa, è necessario fare richiesta di un visto B-1 per soggiorni d’affari o di un visto B-2 per turismo.